8 consigli di base per iniziare con la mountain bike

Nessuno nasce esperto. Anche i ciclisti su strada più esperti che si dedicano per la prima volta alla mountain bike fanno errori da principianti. Segui questa guida di base per divertirti sulla MTB da subito, perché se c’è un aspetto che caratterizza il mountain biking, è il divertimento. Ecco il nostro primo consiglio: 

Divertiti

Mountain bike significa adrenalina pura e divertimento a contatto con la natura, quindi, tanto per cominciare, dimenticati delle sfide e dell’allenamento. La prima cosa da tenere a mente è che esci e pedali per goderti l’esperienza. Non mancheranno le occasioni per spingerti oltre i limiti e sudare in sella alla tua mountain bike, ma se la tua prima giornata in sella non si concluderà con un bel sorrisone, sarà dura replicare l’esperienza.

Scegli la bici giusta

Scegli una mountain bike adatta a te e alle tue necessità per evitare delusioni. In sintesi:

  • Scegli la misura giusta. Eccoti una guida, ma è meglio chiedere consigli in negozio al momento dell’acquisto, sia per scegliere la taglia giusta, sia per fare da subito le prime regolazioni su misura per te.
  • Scordati le bici da enduro o downhill. Queste bici fanno riferimento a discipline troppo “estreme” per un novizio. Una mountain bike cross-country (hardtail, ovvero con sola sospensione anteriore, o full-suspension, ovvero con sospensioni su entrambe le ruote) è perfetta per cominciare. Una mountain bike down-country (ovvero una bici cross-country full-suspension con un ammortizzatore aggiuntivo) è un’altra ottima opzione per chi è alle prime armi con la MTB dato che si adatta facilmente a tutti i tipi di terreno.  
  • Meglio evitare le bici da 26" e 27,5" (troverai grandi affari sul mercato di seconda mano proprio perché sono difficili da vendere). Attualmente la misura standard delle ruote è 29". Se non sei particolarmente alto, un 27,5” potrebbe andare bene per te.
  • Sospensione anteriore senza se e senza ma. Minimo 100 mm. Considera un modello full-suspension per un comfort superiore o se hai spesso a che fare con terreni duri, ma ricorda che sono più costose e pesanti.
  • Alluminio o carbonio? Una MTB in alluminio con componenti di qualità è migliore per i novizi rispetto a una in carbonio con componenti di qualità inferiore.
  • Pedali Flat o Clipless. Se vieni dal ciclismo su strada, non ci sono dubbi: clipless. Scegli i pedali flat solo se non hai alcun tipo di esperienza e hai in programma percorsi e sentieri facili. Altrimenti, è sempre meglio usare i pedali clipless e provare a inserire e sganciare lo scarpino, argomento che ci porta al punto successivo:

Impara a conoscere la tua mountain bike

Ora che hai la tua bici nuova di pacca, impara a usare tutti i suoi componenti: pedali clipless, cambio, freni, sospensioni, ecc. Provala su terreni pianeggianti e semplici per vedere se tutto funziona correttamente prima di passare al fuori strada.

Tieni a mente che la bici si comporta e risponde diversamente a seconda del terreno e delle condizioni (asciutto su strada compatta, asciutto su strada sterrata o sabbiosa, umido e fangoso o semplicemente bagnato). Ogni situazione ha diverse variabili e inoltre devi considerare fattori aggiuntivi come se sei in salita, discesa, in piano o in curva. Ogni aspetto potrebbe influenzare le performance della tua bici, ecco perché dovresti...

Fare attenzione ed essere realista

Specialmente le prime volte in cui pedali sulla tua nuova bici. L’eccesso di sicurezza è uno degli errori più grossi che un ciclista possa fare, indipendentemente dalla loro esperienza. Non provare ad andare troppo veloce, troppo lontano, troppo presto.

Andare sulla mountain bike è una cosa diversa rispetto al ciclismo su strada. Potrai essere forte e in forma ma ti manca la tecnica, quindi fai attenzione.

Non basarti sui consigli di altri ciclisti perché quel che è “facile” o “normale” per loro probabilmente sarà complicato per te in questo momento. Non provare a seguire o copiare mountain biker più esperti.

Pedalare con le persone giuste

Se possibile, cerca un gruppo di amici col quale pedalare. Idealmente, ce ne dovrebbero essere un po’ (5 o 6) più o meno al tuo livello e che portino “energia positiva”. La chiave è godersi l’uscita e divertirsi insieme.

Evita di uscire con dei “pro” o con ciclisti esperti perché nessuno si divertirà. Tu sarai sempre costretto a spingere oltre il tuo limite e loro si dovranno limitare eccessivamente rendendo la pedalata noiosa.  

Se non hai altre opzioni, vai a pedalare da solo, fallo sapere alla tua famiglia, pianifica o conosci bene il percorso e, se possibile, assicurati che si tratti di una zona frequentata da escursionisti o ciclisti se hai bisogno di aiuto.

Preparati per l’uscita

Specialmente se hai in previsione un’uscita lunga e lontana da casa o se hai in programma di uscire dal sentiero battuto per lunga parte della giornata. Dovresti programmare l’uscita per conoscere in anticipo il terreno e il meteo così da farti trovare pronto con la giusta attrezzatura.

Il casco è essenziale. Ci sono caschi specifici per la MTB con una visiera che garantisce una protezione aggiuntiva. I guanti sono un altro elemento essenziale per sicurezza e comfort. Un paio di occhiali da ciclismo, salopette a gamba corta e una maglia da ciclismo copriranno le necessità di base fra abbigliamento e accessori per affrontare senza problemi uscite da più di 2 ore. Se hai in programma un’uscita con freddo e pioggia, dai un’occhiata all’abbigliamento invernale, un cappotto e altri accessori impermeabili.

Avendo preparato il tuo itinerario e il giusto abbigliamento, non dovrai far altro che portare un telefono cellulare carico, del denaro contante, acqua e cibo (meglio troppo che troppo poco) e un kit di utensili (camera d’aria delle giuste dimensioni, pompa, toppe, leve per copertoncini, utensile multi uso con rompicatena, e delle maglie quick link di ricambio per la catena) che puoi tenere nel tuo borsello, in una borraccia portautensili o in una sacca insieme agli altri oggetti elencati in questo paragrafo.

Tieni a punto la tua bici

Tutti i programmi possono andare a farsi benedire se ti dimentichi della manutenzione della bici. Nelle mountain bike, l’usura sulla bici e sui suoi componenti è superiore rispetto al ciclismo su strada.

Oltre a pulire la tua bici per eliminare la polvere, il fango e lo sporco in eccesso, controlla tutti i componenti prima di uscire. Così non dovrai tornare indietro per una foratura, per un rapporto che non vuole entrare, freni che non funzionano o un cambio che ti fa impazzire.

Affidare la manutenzione della tua bici a un’officina di fiducia ti farà risparmiare tempo e denaro. Puoi anche approfittare di questa occasione per chiarirti eventuali dubbi, ricevere consigli o informazioni su uscite di gruppo.

Esci dalla tua comfort zone

Il nostro quarto consiglio era di fare attenzione ed essere realistico ma senza esagerare: dopo tutto parliamo di mountain bike. Parte del divertimento sta nello sporcarsi, nel sentire la ruota che derapa quando freniamo troppo forte, nel soffrire una caduta dopo aver spinto troppo, toccare per terra col piede su una salita folle, lasciar andare un po’ i freni in discesa… 

Cerca e affronta una piccola sfida ogni settimana per migliorare le tue abilità e diventare più forte senza dimenticare sicurezza, attenzione e realismo. Non provare a emulare Nino Schurter o Maja Włoszczowska dopo un anno di attività. Ricordati che lo svizzero e la polacca erano professionisti di MTB quando le bici erano solo da 26", avevano tre corone e se non fosse stato per le appendici sul manubrio non sarebbero nemmeno sembrate delle mountain bike.

← Volver al blog

También te puede interesar...