cover 124

Gel o barretta energetica? Pro e contro

L’assunzione di carboidrati durante l’esercizio fisico migliora la performance nel ciclismo e in altri sport. Il corpo di un ciclista allenato può ossidare fino a 120 g di carboidrati all’ora con un rapporto maltodestrine-fruttosio di 2:1. E questo è quanto per quel che riguarda la parola attuale della scienza. Detto questo, ci sono varie opzioni sul mercato per ottenere questa energia. Fra queste ci sono i gel e le barrette energetiche. Diamo un’occhiata ai vantaggi e agli svantaggi di queste due soluzioni:

Pro dei gel energetici

image
  • Alta densità energetica. Solo carboidrati idrosolubili. Nessun contenuto di grassi, proteine o fibre. 
  • Sono facili da digerire. Se non contengono molta acqua, consigliamo di consumarli con 200 ml di acqua per uno svuotamento gastrico più veloce.
  • I carboidrati vengono assorbiti rapidamente. Quando arriva la crisi di fame, è già troppo tardi: il modo più rapido per riottenere le forze è prendere un gel energetico.
  • Facili da trasportare e da mangiare mentre si pedala. Un fattore chiave se non abbiamo molto spazio nelle tasche della maglia o sulla bici, o se siamo in una gara o in un evento ciclistico in cui tensione e velocità sono alte.
  • Varietà di gusti. Che ti piacciano i sapori più classici (fragola, arancia, limone, cola) o qualcosa di diverso (menta, burro d’arachidi, barbabietola e limone), troverai sicuramente una soluzione di tuo gradimento. Ci sono anche opzioni neutre senza gusto.
  • Non si schiacciano, spappolano o sciolgono. È molto raro che un gel energetico si apra o esploda nella maglietta, anche se l’involucro potrebbe danneggiarsi a contatto con un oggetto appuntito (come le chiavi di casa) se lo portiamo con noi spesso, senza consumarlo.

Contro dei gel energetici

  • Varietà limitata della loro consistenza. A seconda della quantità di acqua, possono essere più liquide o dense.
  • Una concentrazione così alta di carboidrati può infastidire lo stomaco ad alcuni, specialmente se il consumo non è così regolare, se vengono assunti senz’acqua o al momento sbagliato.
  • Se sei allergico al fruttosio, hai una possibilità di scelta limitata e sei costretto a controllare gli ingredienti. Lo stesso vale per le barrette e per qualsiasi altro prodotto.
  • Una volta aperto, devi consumarlo tutto a meno che tu non abbia acquistato un prodotto con tappo richiudibile.
  • Assorbono il calore dal corpo del ciclista e dall’ambiente esterno. Sfortunatamente, non ci si può fare nulla e, anche se un gel energetico caldo non è il massimo, è pur sempre meglio che ritrovarsi a secco di energie.
  • Non puoi condividerli coi tuoi compagni di pedalata, a meno che tu non abbia un legame molto stretto con loro e non ci siano persone troppo schizzinose nel gruppo.
  • Mani appiccicose. Il gel cola quasi sempre sulle dita, impiastricciando mani, manubrio e qualsiasi altra cosa tocchi. 
  • Maglietta appiccicosa. Se non viene schiacciato correttamente, del gel rimane dentro alla confezione: rimettendo il pacchetto nella tasca, corriamo il rischio che un po’ di gel fuoriesca, macchiando la maglia.
  • Per aprire il gel, devi usare i denti. Puoi tenere il pezzetto strappato in bocca. Non sputarlo; tiralo fuori dalla bocca con l’altra mano e rimettilo in tasca: non si butta immondizia per strada! Non è una cosa semplice e forse è per questo che molti produttori offrono sistemi di apertura in cui il pezzo a strappo della confezione rimane attaccato senza staccarsi.

Pro delle barrette energetiche

image 15
  • La sensazione di mangiare e mettere qualcosa nello stomaco, sia in termini di ingredienti (cereali, noci, frutta secca) e il dover masticare. Ovviamente dipende dalla consistenza e dalla forma della barretta. Quelle morbide praticamente si sciolgono in bocca senza dover masticare, mentre quelle con più cereali e noci richiedono un maggiore impegno alle nostre mandibole.
  • Danno energia in modo graduale e costante grazie agli ingredienti, alla masticatura e alla digestione. Come detto in precedenza, tutto questo dipende dalla consistenza e dalla forma. 
  • Un’ampia gamma di gusti, consistenze e forme. Questo perché possono contenere tanti ingredienti solidi e liquidi diversi: cereali, frutta secca, noci, miele, burro d’arachidi, sciroppo d’acero, cioccolato…
  • Puoi mangiarne un pezzo e lasciare il resto per dopo, se non hai distrutto del tutto l’involucro.
  • Puoi condividere la barretta con i tuoi compagni di pedalata. Staccane un pezzetto e passalo senza troppi problemi. Questo è il modo perfetto per scoprire nuovi gusti e  nuove consistenze.

Contro delle barrette energetiche

image 17
  • L’assorbimento più lento dei carboidrati è uno svantaggio quando ci serve energia velocemente.
  • Se il contenuto di fibre, grassi o proteine è alto, lo svuotamento gastrico richiede più tempo, causando potenzialmente problemi gastrointestinali.
  • Sono più difficili da mangiare perché vanno masticate. Anche se in alcuni casi la loro consistenza è morbida, non sono la soluzione ideale quando l’intensità dello sforzo è alta, oppure l’andatura è forte o c’è molta tensione in gruppo. 
  • Occupano più spazio e pesano più dei gel energetici.
  • Alcune confezioni sono difficili da aprire coi denti. Inoltre, dei pezzetti delle barrette possono caderti di mano o dalla bocca. 
  • Il calore e la pressione possono rompere, schiacciare o spappolare le barrette. Dipende tutto dal tipo di ingrediente, dalla forma della barretta e dalle condizioni meteo.
image 16

Tiriamo le somme con tre conclusioni fondamentali:

  • i gel energetici sono pratici in momenti ad alta intensità o tensione, oppure quando ci serve una “botta” di energia rapida.
  • Le barrette sono fonti energetiche di medio-lungo termine. Serve più tempo e un po’ più di calma per prendere, aprire, mangiare e digerire una barretta mentre si pedala.
  • Se combiniamo nel modo giusto queste due opzioni, possiamo tirare fuori il massimo da ciascuna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


Articoli in evidenza